“FRAGILE COLORS” BOX DETONATION

Floris Leeuwenberg/Corbis

Floris Leeuwenberg/Corbis

Anche oggi il solito risveglio seguito dal gesto automatico dell’apertura delle tende e della contemplazione istantanea del panorama.

Anche oggi poco da vedere oltre al grigio solido della nebbia.

Anche oggi la solita colazione prepara con gli occhi pesantissimi.

All’improvviso un rumore arriva da fuori la porta fino in cucina. Attraverso il vetro della porta d’ingresso vedo il cortile e nel mezzo una grande scatola di cartone. Sul fianco della scatola la scritta “FRAGILE COLORS”. Ah, finalmente sono arrivati i colori che aspettavo! Certo vorrei capire in che momento il fattorino sia arrivato e chi gli abbia aperto il cancello. Comunque esco e mi avvicino alla grande scatola facendo mentalmente un inventario di quello che dovrebbe contenere. 5 Turquoise, 5 Blue-Green, 2 Sage Green, 2 Forest Green, 5 Yellow, 10 Yellow-Orange, 5 Red-Orange, 5 Coral, 5 Light Mauve, 5 Burgundy, 10 Eggplant, poi non mi ricordo…ma insomma un bel po’ di polvere!

La scatola è anche più pesante di quello che sembra e non riesco a spostarla di un millimetro dalla sua posizione. La aggiro e cerco di darle una spinta con il piede in direzione della casa, nulla da fare. La scatola è ancorata al terreno, mi abbasso per capire cosa la trattenga e noto che dal fondo della scatola esce qualcosa di contorto che poi affonda nella terra. È qualcosa di marrone, forse un cordone che è rimasto incastrato. Con le mani smuovo un po’ di terra per vedere meglio: non si tratta di un cordone, bensì di una fitta trama di radici! La scatola in realtà è una pianta che affonda le sue radici nel terreno del cortile di casa mia! Mi rialzo e faccio qualche passo indietro, guardando la grande scatola stagliarsi nel mezzo del cortile circondata dal grigio solido della nebbia.

Corro a prendere il foglio stampato con la conferma dell’ordine che ho effettuato: “Gentile cliente, la ringraziamo per il suo ordine e per la preferenza accordata alla nostra azienda. Tutti i materiali artistici da noi prodotti sono interamente naturali, nel pieno rispetto dell’ambiente. Riepilogo ordine […] Dettagli spedizione: la spedizione crescerà nell’arco di 5 giorni lavorativi, ad una distanza non superiore a 20 metri lineari dal civico da lei indicato.” La spedizione “crescerà”? Non avevo letto quella parte dell’avviso, e nemmeno questa: “…Le ricordiamo di non aspettare troppo a cogliere la fantastica promozione di cui sta beneficiando e di munirsi di apposite cesoie per raccogliere il suo ordine. In nessun modo la nostra azienda si ritiene responsabile di danni alla merce causati da una raccolta non tempestiva da parte sua.” Cesoie e raccolta?

Non leggo mai oltre la seconda riga di queste comunicazioni.

Torno in cucina, la caffettiera invoca la mia pietà strillando dal fornello. Non sono capace di alcuna reazione se non quella di tornare alla porta e osservare nuovamente la scatola.

La grande scatola nel mezzo del giardino ora è enorme e si staglia come una quercia secolare nel grigio solido della nebbia. La vedo sobbalzare. È tesa, come un’anguria ad agosto nel mezzo dell’arsura di un campo. E come un’anguria che non viene colta, ESPLODE!

ESPLODE liberando le polveri che la riempiono, ecco il mio ordine sprigionarsi in una detonazione cromatica nel mezzo del mio cortile: Turquoise, Blue-Green, Sage Green, Forest Green, Yellow, Yellow-Orange, Red-Orange, Coral, Light Mauve, Burgundy, Eggplant…ecco c’erano anche Violet, Magenta e Light Peach.

Le polveri si liberano e volano in tutte le direzioni per alcuni istanti, come impazzite. Poi si calmano, intrappolate nel grigio solido della nebbia. Si arrendono alla sua pesantezza e diventano liquide, formando rigagnoli aerei che solcano il grigio solido, che in forma di cubo immenso di nebbia occupa il cortile. La vista è sconcertante: da molti metri di altezza la coltre di nebbia densa è incisa da piccoli fiumi colorati, che lentamente la attraversano, formando brevi cascate, che inesorabilmente si infrangono su ciò che incontrano. Così l’erba, la siepe, il pavimento del portico, il tavolo, le panche, il barbecue, i bidoni della plastica e del vetro si ricoprono di queste polveri ora trasformate in coloranti densi, sintetizzati dalla nebbia e organizzati secondo la più casuale giustapposizione cromatica.

A lettere minuscole, scritto in fondo all’ordine che ancora stringo nella mano, c’è il numero del servizio clienti, 14 centesimi al minuto da rete fissa, 49 da rete mobile. Chiamo.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...